UNITA' OPERATIVA DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

Home
Chi siamo
Cosa facciamo
Dove siamo
Contatti
Pubblicazioni
Dietetica
- Ospedaliera
- Extraospedaliera
Malnutrizione
- Valutazione
- Terapia
onde
LA MALNUTRIZIONE


DEFINIZIONE

Si definisce MALNUTRIZIONE il "deterioramento delle funzioni corporee,organiche,cellulari o subcellulari causato da sbilanci nutrizionali"

Generalmente la malnutrizione è conseguente all'alterazione di una o più funzioni fisiologiche quali:
- introito dei nutrienti
- digestione dei nutrienti
- assorbimento dei nutrienti
- escrezione dei nutrienti o dei prodotti finali del metabolismo
- metabolismo dei nutrienti
- fabbisogno girnaliero dei nutrienti

La malnutrizione è associata ad incremento della morbilità e della mortalità in pazienti ospedalizzati.

N.B.:Lo squilibrio fra fabbisogni,introiti ed utilizzazione dei nutrienti è generalmente presente in tutte-o quasi-le patologie croniche(neoplasie;insufficienza renale,cardiaca,epatica..)ed in molte patologie acute(traumi,sepsi,ustioni) anche se in modo differente.
Il risultato finale è comunque comune:il più o meno rapido deterioramento dello stato nutrizionale e la deplezione della massa magra dell'organismo.
La malnutrizione conseguente ad uno stato di malattia deve pertanto essere considerata come una"malattia nella malattia"in quanto in grado di condizionare negativamente la prognosi della patologia di base.



CLASSIFICAZIONE CLINICA
  • MARASMA (calorica o acuta)
  • KWASHIORKOR (proteica o cronica)
  • MISTA MARASMA-KWASHIORKOR (calorico-proteica)

MARASMA --> Si verifica quando vi è una grave privazione di apporto calorico per periodi relativamente lunghi.
Vi è un deperimento cronico e severo dei tessuti del corpo con perdita di peso,perdita di tessuto adiposo,perdita di tessuto muscolare e della forza muscolare,ritardata crescita e sviluppo(se in età infantile),a volte letargia.
Si ha frequentemente diarrea cronica,riduzione dei valori antropometrici non sempre accompagnata da ipoproteinemia ed ipoalbuminemia.
Forma in genere presente in pazienti con malattie croniche.
Casi meno severi possono passare inosservati od essere sottovalutati.

KWASHIORKOR --> Si presenta in pazienti precedentemente in buono stato nutrizionale od anche obesi che hanno avuto una privazione acuta o cronica prevalentemente proteica.
Il paziente si può presentare con valori antropometrici normali,od anche elevati per via dell'edema presente,ma con valori biochimici e segni clinici indicativi di severa carenza proteica.
Il paziente spesso si presenta edematoso per l'ipoalbuminemia e l'alterato metabolismo degli elettroliti.
Possono essere anche presenti lesioni cutanee,apatia,anoressia,vomito,diarrea,epatomegalia,immunodepressione.

MARASMA-KWASHIORKOR (proteico-calorico) --> E' una sindrome cha ha le caratteristiche sia del marasma che del kwashiorkor.
Di solito si verifica in pazienti con stati ipercatabolici prolungati che non ricevono un'adeguata quantità di proteine e calorie.
Si presenta con ritardata crescita,edema,dermatosi od altri segni del kwashiorkor.

La manifestazione fenotipica più eclatante della malnutrizione è la PERDITA DI PESO,sostenuta dalla deplezione sia della massa grassa(tessuto adiposo)che della massa magra(tessuto muscolare,proteine viscerali,proteine circolanti) a cui è attribuita rilevanza principale in quanto associata ad un aumento significativo dello spazio extracellulare,che rappresenta un reale evento patologico della malnutrizione.A questa luce,l'entità del calo ponderale può rappresentare un utile strumento,pratico,economico ed attendibile per la quantificazione del grado di malnutrizione;su tale base si considerano tre gradi di malnutrizione:lieve,moderata e grave(utili per stabilire le indicazioni terapeutiche ed un'eventuale trattamento nutrizionale artificiale.

classificazione della malnutrizione secondo perdita di peso
LIEVE : calo ponderale su peso abituale = 5-10% / su peso ideale = 10-20%
MODERATA : calo ponderale su peso abituale = 11-20% / su peso ideale = 21-40%
GRAVE : calo ponderale su peso abituale = >20% / su peso ideale = >40%.

Abbiamo già detto come una condizione di malnutrizione determini un aumento della morbilità e della mortalità,esiste cioè una relazione proporzionale tra calo ponderale ed aumentato rischio della mortalità che è però anche correlata allo stato di malattia.Infatti il calo ponderale secondario ad una malattia,sia essa acuta o cronica,determina mortalità in tempi molto più brevi rispetto a quelli della semplice deplezione energetica e del "digiuno semplice"(anoressia nervosa..) questo perchè lo stato di malattia è in grado di ridurre la normale "capacità di adattamento al digiuno" dell'individuo sano.

Tappe di progressiva alterazione di organi ed apparati in rapporto al consumo di massa magra.

"SALUTE" = 100% del patrimonio proteico
_______________diminuzione della massa muscolare:
scheletrica,miocardica,liscia
__________________diminuzione delle proteine viscerali e di trasporto
____________________diminuzione della risposta immunitaria:linfociti,complemento,anticorpi,proteine di fase acuta
______________________diminuzione della cicatrizzazione e della risposta al trauma
______________________compromissione funzionale di intestino,fegato,cuore
________________________incapacità di adattamento biologico
"Morte metabolica"= perdita del 70% del patrimonio proteico.

(Linee Guida SINPE)
NOME IMMAGINE
CREDITS copyright 2004 Ospedale San Martino - note legali - webmaster
l.go R. Benzi 10 - 16132 Genova Tel.010/5551 U.R.P.: 010/5554300 P.I.:03483570101
w3c logo